Gemelle – Savina Dolores Massa

 

Gemelle

Non battezzò
nel dubbio cupo di sbagliare i nomi
i figli avuti da ogni caso d’uomo

gli innominati o innominabili
senza statura arti carne
echi in voce acuta
la chiamano Folle, come dire Madre
come dire Buio

nello specchio
lei mima alla gemella
i suoi parti di capriccio

la gemella le acciglia il giudizio
rode legnetti liquirizia
al riflesso scricchiolio di bugie
tartaro fossile sui denti

i carillon hanno la funzione
di perforare il timpano
sibilo di treno
con bambini verso un campo di sterminio.

 

S. D. Massa, Per assassinarvi. Piacere siamo spettri, Edizioni Il Maestrale 2017.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *