Hai Zi

Chiedo si estinguano
il bagliore del ferro, la scintilla degli amanti e i raggi del sole
Chiedo scenda la pioggia
chiedo
di morire nella notte

Chiedo che al mattino
t’imbatta per caso
nell’uomo che mi ha sepolto

La polvere degli anni non ha confini
autunno
io chiedo:
che una grande pioggia
lavi le mie ossa

occhi chiusi
io chiedo:
la pioggia
la pioggia è una vita d’errore
la pioggia è insieme gioia e dolore.

Marzo 1985

 

Hai Zi, Un uomo felice, Del Vecchio Editore 2019. Traduzione e cura di Francesco De Luca.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *