Biagio Marin

Xe  destin de brusâ
de vîve ardendo.

Brusâ, brusâ
fâsse sinisa
la bianca e grisa
e senza età.

Sensa età semo duti,
ma senpre stài:
vivinti mai,
poveri orbi e muti.

Passeremo via
comò caligo
linti, ma sensa un sigo
che diradi foschia.

 

È destino bruciare / vivere ardendo. // Bruciare, bruciare, / farsi cenere, / la bianca e grigia, / e senza età. // Senza età siamo tutti / ma sempre stati: / non viventi mai. / poveri orbi e muti. // Passiamo via / come la nebbia, / lenti, ma senza un grido / che diradi foschia .

 

B. Marin, Poesie, Garzanti 1991. Versione in lingua di Edda Serra.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *