Lutz Seiler

Inventario

hai scrutato il tempo
nel paralume: rami intrecciati, linee
di edifici toccate parola per parola.
fino allo sguardo tutto è aperto – chi

l’ha detto? sto solamente seduto qui come
scritto da me stesso, matita su
carta. batte l’orologio a gas, si beve
forte per fissare questo testo & si ha

nel sangue l’interpunzione sbagliata. là
le bottiglie sulla stufa, qui
i trucioli, dissolti dal parlare, l’odore
di segatura fresca – ogni

tratto di scrittura respinge le cose
attraverso la grafite nelle tue ossa, solo
al piangere non riesci ad arrivare

 

L. Seiler, La domenica pensavo a Dio, Del Vecchio Editore 2012.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *