Domenico Brancale, Mal d’acqua, Modo Infoshop 2020.

 

La superficie dell’acqua è selvaggia. Lascia apparire le sembianze come in un romanzo. Non si è mai quello che si crede. Il riflesso è più reale del reale.

*

Chi gioca col fuoco prima o poi brucia. Chi gioca con l’acqua annega. Vuole annegare di un gioco più alto del fuoco. Vuole galleggiare come una barca nelle acque della non vita. Chi gioca con la parola prima o poi tace. Chi gioca non smette di fluire sul filo d’acqua del Lete.

*

L’attesa è l’altro. Si annuncia come la sete. Nessuna acqua la estingue.

*

Non si può andare oltre nella disperazione. Ma abitare l’altrove della lingua ci restituisce alla poesia, a quella trasgressione necessaria senza la quale ogni gesto sarebbe vano.

 

D. Brancale, Mal d’acquaModo Infoshop – fotocopie: 27, Bologna 2020.

Domenico Brancale è un poeta e performer. Ha pubblicato: Cani e porci (Ripostes, 2001), L’ossario del sole (Passigli, 2007), Controre (Effigie, 2013), incerti umani (Passigli, 2013), Per diverse ragioni (Passigli, 2017) e Scannaciucce (Mesogea, 2019) che raccoglie tutti i suoi testi in dialetto. Ha curato il libro Cristina Campo In immagini e parole e tradotto Cioran, John Giorno, Michaux, Claude Royet-Journoud. È uno dei curatori della collana di poesia straniera “Le Meteore” per Ibis e della collana “Prova d’Artista” per la Galerie Bordas. Il suo lavoro sulla voce e sullo spazio ha prodotto le performance: Nessun sole sorge senza l’uomo (Monte Calvario, Sant’Arcangelo 2007); Questa deposizione rischiara la tua assenza (Gasparelli Arte Contemporanea, Fano 2009), un sempre cominciamento (galerie hus, Paris 2012), Nei miei polmoni c’è l’attesa (Galleria Michela Rizzo, Venezia 2013), incerti umani (Galleria de Foscherari, Bologna 2013), Se bastasse l’oblio (MAC Lissone, 2014), Langue brûlé (Palais de Tokyo, Paris 2014), Scannaciucce – Una lode dell’asino (MaTerre, Matera 2019). Vive a Bologna e Venezia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *