Thierry Metz

Ogni giorno
entro qui come in una camera
con carta e ramoscelli
tra le foglie
ogni odore è come un piccolo letto
per colui che non dimentica
da dove viene
ma che non rinuncia
a nessun sentiero.

*

Mi risveglio con l’albero
in fondo alla ciotola
tra linee blu
di cielo e di rami
un silenzio mattutino
lì mi trattiene
prima di andare a nascondermi
tra le mani.

*

Scrivere
come se arrivassi da nessuna parte
come se la mia mano
nella notte
avesse riconosciuto l’asino
suo tesoro di paglia.

 

T. Metz, Tel quel c’est écrit, L’Arrière-Pays 2012. Traduzione di Domenico Brancale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *