I poeti morti – Roberto Mussapi

Così la crescita interrotta, il grumo
di stupore, accadi, fiamma
resta nell’intervallo estremo
qui non chiama nessuno, è buio

il tempo fermo tra albero e albero
il vetro degli occhi, davanti agli occhi
un altro presente brucia il confine
non trema la stagione, il pomeriggio
soffre la stessa sete, il dio che inchioda

e qui hanno parlato, loro che hanno
insegne di pietra
bevono nel silenzio
raccolti.

 

R. Mussapi, La gravità del cielo, Jaca Book 1984.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *