Neve (per una fotografia di Richards) – Cristiano Poletti

 

Dormono secoli di appunti
sotto la neve. Lì
non c’è più nessuno, solo frammenti,
affanni di un passato.

È una casa, vedete,
e al centro c’è una vita resistita nel suo darsi.

Pastorale del freddo, case, case
abbandonate.

Ogni cosa per vocazione preme in una voce
sembra dire: è occulto il fine.

Era questo, vedere. Giusto qui
al mondo, fatti eterni gli occhi e noi.

 

C. Poletti, Temporali, Marcos Y Marcos 2019.

 

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *