Violet Moller, La mappa dei libri perduti, Mondadori 2019.

Agli inizi del VI secolo, le popolazioni dell’Europa occidentale erano tormentate delle invasioni barbariche e i sovrani dell’impero romano d’Oriente attratti dall’opulenza e dal lusso: il patrimonio scientifico classico ed ellenistico sembrava in pericolo. Delle opere di Tolomeo, Euclide e Galeno erano sopravvissute solo poche copie, sparse tra Egitto, Siria, Anatolia e Grecia. Eppure, in un viaggio lungo un millennio, quei testi di astronomia, matematica e medicina, letti, tradotti e copiati nei centri di cultura medievali, riuscirono a sopravvivere e ad alimentare la rivoluzione scientifica moderna. È intorno a sette grandi città, crocevia di popoli, religioni e lingue attraverso i secoli, che ruota la ricostruzione della storica inglese Violet Moller alla ricerca delle tracce lasciate dagli intellettuali che hanno tramandato gli studi di questi celebri autori. Come Galeno di Pergamo, chiamato a Roma dall’imperatore per esercitare la professione di medico di corte dopo essersi formato a Smirne, Corinto e Alessandria d’Egitto, proprio dove Euclide compose gli Elementi e Tolomeo l’Almagesto.

Quando la città sede della più ricca biblioteca dell’antichità andò in rovina, la sua eredità culturale trovò dimora nel mondo islamico: a Baghdad, grazie al mecenatismo del califfato, la ricerca matematica, amalgamando le conoscenze tradizionali alle rivoluzionarie scoperte indiane, lo zero e l’idea di infinito, raggiunse vette inaspettate. Giunta in Europa per fuggire alle persecuzioni degli Abbasidi, la dinastia omayyade portò l’eccellenza araba a Cordova, favorendo così il confronto tra studiosi ebrei, cristiani e musulmani e il perfezionamento di molte teorie scientifiche. Queste risalirono poi la penisola iberica fino a Toledo divenuta, con la Reconquista, la porta di accesso alla cristianità, che aveva preservato il sapere antico nei monasteri, tra i quali spiccava Montecassino. Toccò quindi all’Italia meridionale: a Salerno, Costantino l’Africano introdusse i testi di Galeno, che resero la scuola medica cittadina all’avanguardia nel campo della fisiologia e della farmacologia; a Palermo, maestosa capitale normanna, le opere furono tradotte direttamente dal greco al latino. Infine, il viaggio si conclude a Venezia, dove nella seconda metà del XV secolo le prime tipografie diedero alle stampe i manoscritti di quell’antica conoscenza, che, all’alba del Rinascimento, ha raggiunto le biblioteche disseminate in ogni angolo d’Europa per arrivare fino a noi.

La mappa dei libri perduti è una storia delle idee e degli uomini che le hanno studiate, copiate, tradotte e diffuse, ma anche un invito a ritrovare i legami profondi tra il mondo islamico e quello cristiano, il cui incontro ha dato vita a un patrimonio intellettuale davvero universale.

V. Moller, La mappa dei libri perduti, Come la conoscenza antica è stata perduta e ritrovata: una storia in sette città, Mondadori 2019. Traduzione di Luca Vanni.

Titolo originale: The Map of Knowledge, A thousand-year history of how classical ideas were lost and found, Picador, an imprint of Pan Macmillan 2019.

Violet Moller è una storica inglese. Ha conseguito il dottorato di ricerca all’Università di Edimburgo con una tesi sulla biblioteca personale di John Dee, che raccolse la più imponente collezione di testi scientifici dell’Inghilterra della fine del XVI secolo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *