Al macello siamo saliti due – Lorenzo Mari

 

Al macello siamo saliti due

 

Ogni spettatore è un vigliacco o un traditore.
                                                       Frantz Fanon

 

 

Al macello siamo saliti due
ch’eravamo, senza lacrime,
che le lacrime erano sale

  e dentro a: iooo…

    e dentro a: tuuu…

germinavamo come ossa
solo le ossa, niente muscoli – lì
dove – con tutto il lavoro

solo i muscoli, niente
ossa – ci hanno lasciati liberi
avevamo capito: nessuna parola

ma al macello sapevamo
che siamo saliti due
(ch’eravate voi, ch’erano loro):

al macello sapevamo, e con tutto
nel tutto, caccia il vuoto,
prendi il lutto, che

rinasciamo, sempre, mistici:

 iooo…

tuuu….

non guardavamo la coda
degli altri che a quattro zampe salivano
e sparivano, ancora e ancora:

 se noiii…

alla fine, quando si dirime,
noi distoglievamo lo sguardo.
Non lo distoglievano loro.

 

Testo inedito

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *