i quasi corpi – Fabio Orecchini

 

                                                                              i quasi corpi

in fila, entravano dai muri quasi preghiere continuando

nella vita ulteriore – nei trapezi nei vertici del dire – negli

spazi di sospensione tra i corpi crescevano parole – edere

epifite – come interne agli occhi come labbra strette

fendenti immaginare

 

i denti, radicanti in aria le mani scritte che dicono

 

F. Orecchini, Figura, Oèdipus 2019.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *