Telefono senza fili – Vito M. Bonito

 

a mia figlia bianca

 

o mia basilissa

fai sonagli

    le mie ossa

 

tua ogni percossa

per chi visse

     a ragli

     a sbagli

 

solo

     davanti a te

arretro impallidisco

 

mio di me simulacro

di scena mi sortisco

 

confusa animella

finita sottovetro…

 

per te morii d’amor

come si muore

     una stella

 

*

 

dimmi che almeno tu

non avevi paura

 

non facevi il giro della casa

ogni notte

 

non spalancavi le luci

come a una festa

senza invitati

 

volevo dirti

che ho una casa

piena di sedie vuote

 

siamo nati senza denti

 

*

 

le brucerò un giorno

queste sedie vuote 

papà

 

saremo tutte 

carboni ardenti

 

mute comete

fosforescenti

 

*

 

la mosca qui

nella mia mano

 

è mia figlia

 

se guardi bene

diventa invisibile

 

Testo inedito

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *